Venerdì, Ottobre 20, 2017
   
Zoom
Login

APPALTO PUBBLICO - SCELTA NELL'ESECUZIONE DEI LAVORI DI SOLUZIONI TECNICHE COMPORTANTI L'ACQUISTO DI

APPALTO PUBBLICO - SCELTA NELL'ESECUZIONE DEI LAVORI DI SOLUZIONI TECNICHE COMPORTANTI L'ACQUISTO DI MATERIALI DIVERSI PRESSO ALTRO FORNITORE - EFFETTI NEI CONFRONTI DI QUEST'ULTIMO

ORDINANZA N. 26745 DEL 19/12/2007

(Sezioni Unite Civili, Presidente V. Carbone, Relatore M. Finocchiaro)

La S.C. ha precisato che, qualora nel corso dell’esecuzione dei lavori l’impresa aggiudicataria, previa autorizzazione della stazione appaltante, compia scelte tecniche comportanti l’acquisto di materiali diversi rispetto a quelli di progetto, rientra nella giurisdizione dell’A.G.O. la domanda con cui il produttore dei materiali originariamente previsti, che non ha concluso l’auspicato contratto di fornitura con l’aggiudicatario, chieda nei confronti di quest’ultimo e della stazione appaltante l’annullamento degli atti con cui sono state autorizzate le diverse scelte tecniche poi praticate. Ciò sia perché gli articoli 6 e 7 della 1. 21 luglio 2000 n. 205, nel devolvere alla giurisdizione esclusiva del giudice amministrativo tutte le controversie relative alle procedure di affidamento di appalti pubblici, si riferiscono alla sola fase pubblicistica dell'appalto, ma non riguardano anche la fase relativa alla esecuzione del rapporto, in cui resta operante la competenza giurisdizionale del giudice ordinario come giudice dei diritti; sia perché il mancato fornitore non è destinatario dei provvedimenti amministrativi impugnati, che incidono nella sua sfera giuridica solo indirettamente e di riflesso, senza che egli possa dedurre, a causa degli stessi, la lesione di una propria posizione di interesse legittimo, come tale tutelabile in sede di giurisdizione generale di legittimità.

Ripristina la pagina

K2 Login