Lunedì, Ottobre 23, 2017
   
Zoom
Login

PROCESSO CIVILE - RIASSUNZIONE DOPO L'INTERRUZIONE MEDIANTE ATTO DI CITAZIONE INVECE CHE CON RICORSO

PROCESSO CIVILE - RIASSUNZIONE DOPO L'INTERRUZIONE MEDIANTE ATTO DI CITAZIONE INVECE CHE CON RICORSO - SUFFICIENZA DELLA NOTIFICA DELLA CITAZIONE ENTRO IL TERMINE SEMESTRALE EX ART. 305 COD. PROC. CIV.

SENTENZA N. 27183 DEL 28/12/2007

(Sezioni Unite Civili, Presidente G. Ianniruberto, Relatore S. Benini)

La S.C. ha affermato che, a seguito dell’interruzione del processo, la riassunzione va effettuata, secondo il combinato disposto degli artt. 303 e 305 cod. proc. civ., con il deposito del ricorso presso la cancelleria del giudice precedentemente adito entro il termine prescritto, tale tempestivo deposito è sufficiente per impedire l'estinzione del processo. Tuttavia la parte può provvedere alla riassunzione, anziché con comparsa o ricorso al giudice per la fissazione dell'udienza di prosecuzione, con citazione ad udienza fissa, purchè la stessa possieda tutti i requisiti formali previsti dall'art. 125 disp. att. cod. proc. civ. indispensabili per il raggiungimento dello scopo previsto nell'art. 297 cod. proc. civ., consistente nel compimento di un atto di parte prima che sia trascorso il termine perentorio entro il quale va promossa la prosecuzione del giudizio. In tal caso è sufficiente la notifica alla controparte prima della scadenza del termine medesimo per impedire l'estinzione del processo, restando al di fuori l'obbligo di deposito dell'atto, che può avvenire solo dopo il compimento effettivo della notificazione, a cura dell'ufficiale giudiziario, e che non ha alcuna funzione definitoria circa la posizione processuale della parte o la sua attività difensiva, essendo previsto dall'art. 303, secondo comma, cod. proc. civ., che il riassumente indichi (nell'atto di riassunzione) gli estremi della domanda.

Ripristina la pagina

K2 Login