Mercoledì, Dicembre 13, 2017
   
Zoom
Login

GIURISDIZIONE – MATERIA URBANISTICA – RISARCIMENTO DEL DANNO (ORDINANZA N. 20123 DEL 18/10/2005)

GIURISDIZIONE – MATERIA URBANISTICA – RISARCIMENTO DEL DANNO

ORDINANZA N. 20123 DEL 18/10/2005

(Sezioni Unite Civili, Presidente G. Ianniruberto, Relatore G. Vidiri) 

A seguito della sentenza della Corte costituzionale n. 204 del 2004 - con cui è stata dichiarata l'illegittimità costituzionale dell'art. 34 del d.lgs. 31 marzo 1998, n. 80 (nel testo sostituito dall'art. 7 della legge 21 luglio 2000, n. 205), nella parte in cui, in materia urbanistica ed edilizia, devolve alla giurisdizione esclusiva del giudice amministrativo le controversie aventi per oggetto "gli atti, i provvedimenti ed i comportamenti", anzichè "gli atti ed i provvedimenti" delle pubbliche amministrazioni e dei soggetti alle stesse equiparati, sussiste la giurisdizione del giudice ordinario quando il comportamento della pubblica amministrazione risulta spogliato da ogni interferenza con un atto autoritativo, non potendosi reputare neanche mediatamente espressione dell'esercizio del potere autoritativo, o quando l'atto o il provvedimento di cui la condotta dell'amministrazione sia esecuzione non costituisca oggetto del giudizio, facendosi valere unicamente l'illiceità della condotta del soggetto pubblico, ex art. 2043 cod. civ., suscettibile di incidere sui diritti patrimoniali dei terzi. Sulla base di questo principio, le Sezioni Unite, in sede di regolamento preventivo, hanno riconosciuto la giurisdizione del giudice ordinario rispetto alla domanda di risarcimento del danno proposta da esercenti di un'attività commerciale a causa dell'abnorme dilatazione ascrivibile alla P.A. dei tempi di costruzione di un parcheggio pubblico nella zona in cui si svolgeva

Ripristina la pagina

K2 Login