Lunedì, Dicembre 18, 2017
   
Zoom
Login

DIRITTI DELLA PERSONALITA’ – INTERRUZIONE DELL’ALIMENTAZIONE E DELLA IDRATAZIONE ARTIFICIALI A PERSO

DIRITTI DELLA PERSONALITA’ – INTERRUZIONE DELL’ALIMENTAZIONE E DELLA IDRATAZIONE ARTIFICIALI A PERSONA IN STATO VEGETATIVO DA OLTRE QUINDICI ANNI – CONDIZIONI E LIMITI

SENTENZA N. 21748 DEL 16/10/2007

(Sezione Prima Civile, Presidente  M. G. Luccioli, Relatore A. Giusti)

La Corte di Cassazione – escluso che l’idratazione e l’alimentazione artificiali con sondino nasogastrico costituiscano, in sé, oggettivamente una forma di accanimento terapeutico, pur essendo indubbiamente un trattamento sanitario – ha deciso che il giudice può, su istanza del tutore, autorizzarne l’interruzione soltanto in presenza di due circostanze concorrenti: a) la condizione di stato vegetativo del paziente sia apprezzata clinicamente come irreversibile, senza alcuna sia pur minima possibilità, secondo standard scientifici internazionalmente riconosciuti, di recupero della coscienza e delle capacità di percezione; b) sia univocamente accertato, sulla base di elementi tratti dal vissuto del paziente, dalla sua personalità e dai convincimenti etici, religiosi, culturali e filosofici che ne orientavano i comportamenti e le decisioni, che questi, se cosciente, non avrebbe prestato il suo consenso alla continuazione del trattamento. Ove l’uno o l’altro presupposto non sussista, deve essere negata l’autorizzazione, perché allora va data incondizionata prevalenza al diritto alla vita, indipendentemente dalla percezione, che altri possano avere, della qualità della vita stessa.

Ripristina la pagina

K2 Login