Mercoledì, Dicembre 13, 2017
   
Zoom
Login

TITOLI DI CREDITO – ASSEGNO – CONTROLLO DELLA REGOLARE CONTINUITA’ DELLE GIRATE – BANCA GIRATARIA PE

TITOLI DI CREDITO – ASSEGNO – CONTROLLO DELLA REGOLARE CONTINUITA’ DELLE GIRATE – BANCA GIRATARIA PER L’INCASSO

SENTENZA N. 26210 DEL 01/12/2005

(Sezione Prima Civile, Presidente G. Losavio, Relatore C. De Chiara)

La responsabilità nei confronti dell'emittente di assegno bancario, per il mancato controllo della regolare continuità delle girate, secondo la previsione dell'art. 38 del regio decreto 21 dicembre 1933, n. 1736 (legge assegni), si riferisce alla sola banca trattaria, cui la predetta norma impone uno specifico obbligo operante sul piano del rapporto contrattuale con il traente. Nel confermare questo principio, tradizionale nella giurisprudenza della Corte, la sentenza compie una precisazione innovativa: che anche la banca girataria per l'incasso può essere attinta da responsabilità per diverso titolo - in particolare, da responsabilità extracontrattuale - tutte le volte in cui, con il suo comportamento colposo (o doloso), abbia determinato, o concorso a determinare, il prodursi, a carico del traente, del danno ingiusto consistito nell'indebito pagamento di un assegno da lui emesso (con corrispondente indebita riduzione della sua provvista bancaria) a soggetto non legittimato. Secondo la Corte, siffatto comportamento colposo ben può consistere nella mancata o negligente verifica della continuità delle girate, e dunque della legittimazione del possessore dell'assegno giratole per l'incasso e da essa banca illegittimamente incassato presso la banca trattaria.

Ripristina la pagina

K2 Login