Venerdì, Ottobre 20, 2017
   
Zoom
Login

MARCHI E BREVETTI – MARCHIO – CONFONDIBILITA’ TRA SEGNI DISTINTIVI SIMILARI (SENTENZA N. 21086 DEL 2

MARCHI E BREVETTI – MARCHIO – CONFONDIBILITA’ TRA SEGNI DISTINTIVI SIMILARI

SENTENZA N. 21086 DEL 28/10/2005

(Sezione Prima Civile, Presidente A. Criscuolo, Relatore A. Ceccherini)

In tema di tutela del marchio, l'apprezzamento sulla confondibilità fra segni distintivi similari dev'essere compiuto dal giudice di merito – le cui valutazioni si sottraggono al controllo di legittimità se congruamente e correttamente motivate – non in via analitica, attraverso il solo esame particolareggiato e la separata valutazione di ogni singolo elemento, ma in via globale e sintetica, vale a dire con riguardo all'insieme degli elementi salienti grafici, visivi e fonetici, intendendosi con quest’ultimo termine tutti gli effetti acustici (cioè auditivi, tonici) delle espressioni usate, in relazione al normale grado di percezione delle persone alle quali il prodotto è destinato. Enunciando questo principio, la Corte ha ritenuto correttamente motivata la sentenza impugnata, che sulla base del predetto criterio aveva escluso la confondibilità del marchio “Centoventuno”, utilizzato da un'azienda operante nel settore dell'oreficeria, con quello "121" adoperato da una banca per l'offerta di servizi monetari e finanziari in via telematica, osservando che, nonostante l'assonanza fonetica degli elementi numerici dei due marchi, ove letti in lingua inglese, l'aggiunta del termine “banca” a quello impiegato dall'azienda di credito risultava sufficiente ad impedire ogni confusione tra i due segni distintivi.

Ripristina la pagina

K2 Login